ANCONA – Nell’ultima giornata sono 151 i positivi nelle Marche su 1412 tamponi molecolari del percorso nuove diagnosi. Il rapporto positivi/test è pari al 10,6%. Scendono ancora i ricoveri, quattro i decessi.

Le vittime

Sono quattro le vittime nelle ultime 24 ore, tutte con patologie pregresse. La più giovane un uomo di 63 anni di Castelleone di Suasa. Le altre: un 88enne di Fano, una donna di 72 anni di Agugliano e un 92enne di Ostra Vetere. Dall’inizio dell’emergenza il totale dei decessi sale a 2977.

I ricoveri

Rispetto alla giornata di ieri, tornano a calare i ricoveri negli ospedali delle Marche (-23) e i pazienti scendono a quota 369. La diminuzione più marcata è quella che riguarda le aree non intensive (-17, 213), poi le intensive (-5, 53) e le semi intensive (-1, 103). Tornano a salire le persone in attesa nei Pronto Soccorso (+4, 8). Sono 130 gli ospiti delle strutture territoriali. Nelle ultime 24 ore i dimessi sono 29. Balzo positivo anche del totale di dimessi/guariti arrivato a 91.734 (+428)

Il contagio

Nell’ultima giornata sono 151 i positivi nelle Marche su 1412 tamponi molecolari del percorso nuove diagnosi. Il rapporto positivi/test è pari al 10,6%. Tra gli 846 test antigenici riscontrati “32 casi (da sottoporre al tampone molecolare); rapporto positivi/testati pari al 4%”.

I numeri più alti rilevati ancora in provincia di Pesaro Urbino (51) seguita da quelle di Ascoli Piceno (44), Macerata (29), Ancona (8) e Fermo (7); 12 i casi da fuori regione). Il Servizio Sanità della Regione comunica che nelle ultime 24 ore sono stati testati “4.021 tamponi: 2.258 nel percorso nuove diagnosi (di cui 846 nello screening con percorso Antigenico) e 1.763 nel percorso guariti (rapporto positivi/testati pari al 6,7%)”. Dei soggetti positivi in base alle nuove diagnosi, 29 evidenziano sintomi. I casi comprendono contatti in setting domestico (30), contatti stretti di casi positivi (55), in setting lavorativo (1), con coinvolgimento di studenti di ogni grado di formazione (13), screening percorso sanitario (2). Per altri 21 casi si stanno effettuando le indagini epidemiologiche.