La “Signora Maria” delle Marche compie 108 anni, alla faccia del Covid. “Ricordi? Tutte le giornate sono state belle”.

“A 108 anni mi sento come una donna di 50”. Così Maria Mochi, che ha festeggiato due volte il Capodanno, come le succede da quando in Italia c’era il Re. la Signora Maria delle Marche ha infatti celebrato il suo 108esimo compleanno nella casa di di riposo alla Maestà di Urbisaglia (dove sono delocalizzate, dopo il terremoto, le strutture di Loro Piceno e di Mogliano). L’ultracentenaria, che ha passato due guerre, non si è fatta mancare il Covid. Mesi fa era risultata positiva quasi asintomatica: solo una mezza giornata di febbre.

Maria è nata il primo gennaio del 1914 a Colmurano e prima dei Coronavirus ha visto la Spagnola, la fame, due guerre mondiali appunto e pure il terremoto. Tanti auguri le sono stati rivolti dai suoi cari come dal sindaco di Loro Piceno Roberto Paoloni: “Maria non solo ha raggiunto un’età invidiabile – ha detto Paoloni – e forse risulta tra le più longeve cittadine italiane, ma è persona lucida e porta in sé una serenità che quando ci entri in contatto ti avvolge”.

Obiettivi per il 2022? Maria non ha dubbi: “Ai giovani voglio dire di vivere all’insegna dell’onestà, di non far mai male al prossimo. Non bisogna approfittare degli altri ed è importante capire che i soldi non sono tutto. Il ricordo più bello della mia vita? Tutte le giornate sono state belle”.