PESARO – Si è svolta questa mattina, al Comune di Pesaro, la firma dell’Accordo di programma per la realizzazione del nuovo ospedale. Erano presenti il Presidente della Regione, Francesco Acquaroli, il sindaco di Pesaro, Matteo Ricci, il direttore generale di Asur Marche, Nadia Storti, e il direttore generale di Marche Nord, Maria Capalbo.

“Oggi, con la sottoscrizione dell’accordo di programma – ha dichiarato il presidente Francesco Acquaroli – si compie un passo importante per procedere speditamente alla realizzazione del nuovo ospedale di Pesaro. Non c’è bisogno di sottolineare ulteriormente l’importanza di dare una struttura moderna e adeguata agli operatori e al territorio, in grado di essere all’altezza con gli obiettivi sanitari che intendiamo potenziare e conseguire. Un passo importante, con un cronoprogramma definito, per arrivare quanto prima alla realizzazione di quello che è uno degli investimenti più grandi mai fatti dalla Regione.

“Questa firma rappresenta un risultato importante – ha affermato il sindaco Matteo Ricci – che mette un punto ad un investimento consistente per la città. Pur partendo da punti di vista differenti siamo riusciti a trovare un accordo sul contenitore del nuovo Ospedale di Muraglia, ora sarà fondamentale il rispetto del cronoprogramma e allo stesso tempo occorrerà fare una discussione sul contenuto. Non nascondo una forte preoccupazione per la mancanza di personale e, in particolare, sulla cancellazione dell’Azienda Marche Nord, e sul problema della mobilità passiva. Sarebbe interessante poi aprire un ragionamento sull’attuale area del San Salvatore, che tenga insieme l’aspetto urbanistico e socio-sanitario: è un contenitore strategico, che può rispondere a diverse esigenze dei cittadini. Grazie al presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli per la disponibilità e il pragmatismo con il quale abbiamo portato avanti la discussione”.

In tale accordo si prevede il trasferimento delle strutture attualmente presenti nell’area di Muraglia entro il 30/09/2024, per permettere l’avvio dei lavori entro i successivi 30 giorni.

La nuova struttura di circa 70.000 mq verrà realizzata con i più alti livelli di sicurezza antisismici e risponderà requisiti di risparmio energetico prevedendo la costruzione di un edificio nZEB (nearly Zero Energy Building) con consumo di energia quasi zero.

Previsti circa 400 posti letto per un investimento di circa 170 milioni di euro, anche in considerazione dei continui aumenti dei costi dei materiali con il conseguente aumento dei prezzari di riferimento.

Essendo l’opera prevista di rilevante importanza e complessità, la norma prevede l’indizione di concorso di progettazione, previsto entro il corrente anno, al fine di individuare la migliore proposta che risponda alle esigenze del territorio con particolare attenzione all’inserimento nel tessuto urbano.

Seguirà la progettazione fino al livello definitivo che potrà essere posto a base di gara da espletare con l’appalto integrato riducendo notevolmente i tempi procedurali.

Si prevede di iniziare i lavori, che dureranno circa tre anni, entro il 2024.