Covid nelle Marche, occhio a RT e occupazione in Intensiva: spauracchio arancione se non cambiano le regole.

I Dati positivi: perché giallo. Le Marche si avviano ad un’altra settimana in giallo. Molto buona l’incidenza, in ulteriore calo, addirittura sotto 100 (a 50 scatta il bianco): 94. La settimana scorsa era a 117. Altro dato positivo, insieme all’incidenza, anche il dato dei casi settimanali, anche questi in calo: 1.426 la cosa settimana, dal 26 al 2 Maggio. Erano stati 1.781 dal 19 al 25 aprile e 1.893 dal 12 al 18 aprile.

I dati negativi: perché rischiamo l’arancio: L’Rt è in salita, in modo importante: da 0.81 a 0.94. Quando sale l’Rt, la settimana successiva la tendenza è a una crescita dell’incidenza. Va inoltre considerato che proprio settimana prossima si potrà verificare l’effetto vero delle riaperture di attività e scuole del 26 Aprile, oltre che del Ponte del 1 Maggio. Il miglioramento degli ospedali, inoltre, procede a rilento. Bene i reparti Covid non critici, la cui occupazione scende da 33% a 29% (la soglia in questo caso è del 40%). Le terapie intensive invece non lasciano tranquilli: rimangono ferme al 31% di occupazione, ancora sopra la soglia di criticità del 30%. Per questo la valutazione di impatto sugli ospedali è passata da ‘moderata’ ad ‘alta’.

Il rialzo della curva nel corso della prossima settimana è un’ipotesi confermata dal dottor Stefano Menzo, direttore dell’istituto di virologia dell’ospedale regionale di Torrette. “La prossima settimana il numero dei contagi da Covid-19 potrebbero tornare a salire. La settimana appena conclusa ha evidenziato un sostanziale appiattimento della discesa dei contagi che invece si era delineata chiaramente a cavallo tra la seconda metà di aprile e l’inizio di maggio. Gli effetti del lockdown, delle vaccinazioni e del passaggio stagionale hanno portato conseguenze evidenti. Adesso quella curva si è appiattita e immagino che con la riapertura delle attività prodittive e della scuola in presenza qualcosa possa accadere”.

Un assist potrebbe venire dal Governo Draghi, con un ritocco dei criteri per il cambio di colore. Se però non verranno rivisti i parametri Covid, l’Rt vicino a 1 e l’occupazione delle Terapie intensive potrebbe causare il passaggio in zona arancione delle Marche da settimana prossima. Molto dipenderà dall’impatto delle riaperture. E, come sempre, dai nostri comportamenti.