ANCONA – Scendono i ricoveri per covid nelle Marche, 11 pazienti in meno nelle ultime 24 ore, ma sono cinque i nuovi decessi tra questi anche un 59enne di Monte San giusto, per un totale di 3.417 vittime da inizio pandemia. Restano comunque alti i degenti negli ospedali marchigiani che sono 360 di cui 59 nelle terapie intensive (-2). Le percentuali di occupazione dei posti letti nei reparti intensivi e ordinari sono ora al 23% e al 29,5%, ma sebbene quest’ultimo dato torni sotto la soglia d’allarme del 30% il passaggio in zona arancione resta comunque un forte rischio.

Le persone in attesa nei pronto soccorso sono 47, mentre gli ospiti di strutture territoriali sono 224.

I contagi da Covid rallentano anche nelle Marche, mentre resta ancora in bilico il cambio di colore (appeso anche a un cambio delle regole del Governo). I nuovi positivi sono 4.520 (ieri 5.111) su 12.846 tamponi esaminati (il giorno precedente sono stati 12.859). La percentuale di positività passa al 35,2% dal 39,7%. Il tasso di incidenza cumulativa su 100 mila abitanti è di 2.460,56 da 2.524,70, dunque un altro segnale della diminuzione dei nuovi casi.

Ancona resta la provincia delle Marche in cui il virus circola di più con 1.220 nuovi positivi. Ma nelle ultime 24 ore la provincia di Macerata registra una impennata con 1.059 contagi, seguita da quelle di Pesaro-Urbino con 942, Ascoli Piceno con 619 e Fermo con 516. Sono 164 i nuovi positivi di fuori regione.

Tra 25 e 59 anni il virus continua a infettare di più nella nostra regione. Rispettivamente si registrano infatti 1.155 e 1.050 nuovi infettati. Ma il Covid continua a colpire anche i giovani. Sui 4.520 nuovi casi comunicati oggi sono 1.472 quelli tra 0 e 18 anni. I ragazzini tra 6 e 10 anni sono i più numerosi con 536 casi.