ASCOLI PICENO – Da questa mattina, i Carabinieri del Comando Provinciale di Chieti e Finanzieri del Comando Provinciale di Ascoli Piceno unitamente al Nucleo Operativo Ecologico dell’Arma, stanno dando esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di una quindicina di persone, ritenute responsabili a vario titolo, di associazione a delinquere finalizzata al riciclaggio, autoriciclaggio, dichiarazione fraudolenta dei redditi mediante l’emissione di fatture per operazioni inesistenti, impiego di fatture per operazioni inesistenti al fine di evadere l’imposta sui redditi e sull’Iva e attività organizzata per il traffico di rifiuti” .

Sono state inoltre sottoposte a sequestro due società, operanti nel settore del recupero dei metalli ferrosi, riconducibili agli indagati, ed è stato disposto il sequestro preventivo finalizzato alla confisca di svariati milioni di euro. L’ordinanza è stata emessa dal Gip del Tribunale di Chieti su richiesta della Procura della Repubblica del capoluogo teatino.