ANCONA – Dal 1974 al 2020 sono 62.842 le persone scomparse tra minori, adulti e anziani, di questi 46.417 sono minori per lo più stranieri di sesso maschile. In occasione della Giornata internazionale dei bambini scomparsi, l’associazione Penelope Marche riaccende i riflettori sulle tante storie che non hanno lieto fine e a cui si lega il dolore di famiglie e genitori. Il caso più eclatante nelle Marche è quello di Cameyi Mosammet, 15 anni, scomparsa la mattina del 29 maggio 2010, da Ancona, i cui frammenti ossei sono stati ritrovati nel marzo 2018 nel cosiddetto “Pozzo degli orrori” a Porto Recanati (Macerata).

Penelope Marche, ricorda la sparizione misteriosa nel 1979 di Sergio Isidori che a soli 5 anni e mezzo scomparve senza lasciare traccia da Villa Potenza (Macerata). Nella sua attività lunga 11 anni c’è anche l’affiancamento di genitori vittime di sottrazione internazionale di minore. Come la storia e la lotta del papà Emilio Vincioni di Sassoferrato. Nel suo caso non basta ancora la convenzione dell’Aia