ANCONA – Il 25 marzo il picco di ricoverati nelle terapie intensive, 157, e nelle aree non critiche, 804. Rispettivamente una percentuale di occupazione di posti letto del 75% e del 68%. In tutto erano 961 i pazienti negli ospedali delle Marche finite nella stretta della recrudescenza della seconda ondata della pandemia. Due mesi dopo e l’orizzonte è notevolmente cambiato, in meglio. Reparti Covid che si svuotano, o che chiudono del tutto. A certificare il generale miglioramento sono i numeri. Nelle rianimazioni ci sono 36 pazienti, quasi il 67% in meno. Negli altri reparti 169, il 63% in meno