ANCONA – Dopo il “verdetto” ieri della cabina di regia al ministero della Salute, confermate le Marche in giallo, come tutta Italia tranne la Valle d’Aosta. Ma la “zona bianca” è ancora lontana, come conferma anche il presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli: “Per il momento non mi sembra facilmente raggiungibile”. L’Rt delle Marche è in lievissimo aumento: 0.95 per la settimana 7-13 maggio (la settimana precedente era di 0,94), mentre a pesare è l’incidenza su alcuni comuni che potrebbero passare in zona arancione rafforzata, come sta accadendo per Acqualagna e Petriano. Ma la stretta potrebbe arrivare anche per Morrovalle e Montecassiano: la decisione verrà presa dalla Regione lunedì prossimo, con i dati completi di tutta la settimana.

La situazione nelle ultime 24 ore

I decessi

Nella giornata di oggi è stata registrata una sola vittima, si tratta di una donna di 95 anni di Monte Grimano Terme, con patologie pregresse, ricoverata presso l’ospedale Marche Nord. Dall’inizio dell’emergenza il totale sale a 2991.

I ricoveri

Continua a scendere il numero di ricoverati con Covid-19 nelle Marche: 12 in meno nell’ultima giornata e i degenti scendono da 328 a 316. In calo i pazienti in Terapia Intensiva (47; -3), in Semintensiva (90; -2) e in reparti non intensivi (179; -7).  Gli ospiti di strutture territoriali sono stabili (108) e aumentano gli assistiti nei pronto soccorso (9; +3). I dimessi in un giorno sono 33, mentre il totale dimessi/guariti tocca quota 93.106 (+237). Ancora in diminuzione i positivi in isolamento domiciliare (4.397; -78) mentre aumentano (+105) le quarantene per ‘contatto’ con positivi (9.895 tra cui 3.064 con sintomi, 123 operatori sanitari)

Il contagio

I dati sono stabili ma nella mappa del contagio, a guidare la “classifica” è ancora la provincia di Pesaro Urbino. Emerge dai dati delle ultime 24 ore del Servizio Salute della Regione Marche: sono state scoperte 149 nuove positività dai 1433 tamponi molecolari effettuati, con un’incidenza dunque del 10,3%, a cui si aggiungono i 24 casi positivi, che poi andranno ritestati con il molecolari, dai 711 test antigenici rapidi. (in questo caso il rapporto positivi/testati è del 3%).Dei positivi rilevati, 30 hanno sviluppato sintomi riconducibili al Covid-19.

Dei 149 test positivi delle ultime 24 ore 68 arrivano dalla provincia di Pesaro Urbino, 28 da quella di Ancona, 21 da quella di Ascoli Piceno, 14 in provincia di Fermo e 11 in provincia di Macerata, mentre 7 arrivano da fuori regione.