Una pillola anti-covid per superare il vaccino. La produzione Pfizer potrebbe essere ad Ascoli.

Lo stabilimento Pfizer di Ascoli è un serio candidato per la produzione della nuova pillola antiCovid, attualmente in fase di sperimentazione negli Stati Uniti, la cui produzione potrebbe già partire con l’inizio del nuovo anno.

La casa farmaceutica sta portando avanti da settimane i test del Pf-07321332, il farmaco sul quale sono riposte tante aspettative nella lotta contro il Coronavirus e che ha già dato buoni risultati durante la prima fase di sperimentazione (in questo periodo è sottoposta alla fase 2/3). Tanto che già entro la fine dell’anno potrebbe ottenere il via libera.

Ci sono concrete possibilità che il medicinale venga prodotto nello stabilimento di Campolungo, l’unico, assieme a quello di Catania, presente in Italia oltre alle sedi legali di Milano e Roma. Se l’efficacia di questo nuovo strumento dovesse essere accertata, si riusciranno a ridurre drasticamente gli effetti più gravi della malattia: basterà buttare giù una pasticca con un sorso d’acqua non appena iniziano ad insorgere i primi sintomi del virus.