ANCONA – Incubo dei nonnini, abili criminali. Sono stati denunciati due giovani, di circa 20 e 25 anni, che con la truffa telefonica del finto carabiniere hanno tentato di farsi consegnare denaro contante da anziani. Il questore di Ancona, Cesare Capocasa ha emesso per entrambi il foglio di via: non potranno fare rientro a Montemarciano ed Osimo, dove hanno tentato le truffe, per quattro anni.

Fingendosi marescialli riferivano alle vittime che i loro figli erano in stato di arresto per aver investito delle persone, sostenendo che per sanare la situazione le vittime avrebbero dovuto corrispondere una cospicua somma di denaro. Le vittime, rispettivamente a Montemarciano ed Osimo, hanno allertato il 112 e i due sono stati denunciati all’autorità giudiziaria dai carabinieri.

Continua l’impegno della Polizia di Stato. Proprio nei mesi scorsi erano state avviate delle campagne di sensibilizzazione e informazione, con la distribuzione agli anziani di apposite lettere in cui si invitavano le fasce più fragili a prestare attenzione dai raggiri.