ANCONA – Sono 182 su 10.428 le classi attualmente in quarantena nelle Marche. E’ il dato che fornisce l’Ufficio scolastico regionale, che ha analizzato i dati dal 28 marzo al 3 maggio considerando tutte le sezioni: infanzia, primaria, secondaria di primo grado e secondaria di secondo grado. Ovviamente, le classi in quarantena sono aumentate in proporzione alla percentuale di studenti che via via dal 7 aprile è tornata in classe. Il picco infatti è stato raggiunto il 27 aprile con 198 classi in quarantena, 20 giorni prima erano 8.  Da lì la curva si è assestata su un plateau di circa 180, che è il dato attuale.

Entrando nel dettaglio, nelle Marche a pagare di più sono i primi cicli di studio: ad oggi infatti risultano in quarantena il 2,28% delle classi della scuola d’Infanzia, il 2,10% della primaria, l’1,92% delle medie e l’1,06% delle superiori. In questo contesto la provincia che fa registrare i peggior dati della regione è il Maceratese. Qui risultano infatti in quarantena il 4,67% delle sezioni della scuola d’Infanzia, il 2,8% della primaria, il 3,69% delle medie e l’1,06% delle superiore, unico dato in linea con la media regionale. Per quanto riguarda la distribuzione delle quarantene nei diversi cicli di studi, anche in questo caso a pagare il prezzo maggiore sono Infanzia e Primaria. Nelle Marche, al 3 maggio, il 19,3% delle quarantene è nelle scuole d’Infanzia, il 39,56% nelle Primarie, il 20,88% nelle medie e il 20,33% nelle superiori.