MACERATA – Tre arresti nel maceratese per spaccio di cocaina da parte della Guardia di Finanza. Le indagini delle fiamme gialle hanno fatto emergere una rete di vendita di sostanze stupefacenti che si estendeva dal litorale fino all’hinterland dei Monti Sibillini.

Tra i tre uomini, tutti con un’età compresa tra i 50 e i 65 anni, uno agiva come fornitore abituale degli altri due i quali poi, operando per proprio conto, rifornivano i clienti con la cocaina acquistata – con incontri in luoghi appartati e sempre di breve durata – operando in modo organizzato e professionale e riuscendo a coprire un ampio e fiorente mercato per diversi anni.

Il blitz che ha portato all’arresto del trio, nelle prime ore del pomeriggio di mercoledì, è scattato dopo complessi accertamenti che hanno portato a numerosi sequestri di stupefacente. Inoltre a seguito di un precedente arresto in flagranza di uno dei soggetti colpiti dal provvedimento restrittivo, è stato possibile ricostruire, già per il solo periodo delle indagini, un’ingente movimentazione di cocaina, per circa 600 gr., caratterizzata da numerosissime cessioni nei confronti di una vasta platea di acquirenti.