ANCONA – Da oggi, primo ottobre, cade l’obbligo della mascherina su bus, treni e metropolitane; la misura infatti non è stata prorogata dal governo. Fino ad ora chi utilizzava i mezzi di trasporto pubblico per spostarsi doveva avere la mascherina Ffp2, senza la quale non era possibile salire a bordo.

Resta invece ancora in vigore per un altro mese (fino al 31 ottobre), l’obbligo di indossare la protezione delle vie respiratorie per i lavoratori, gli utenti ed i visitatori delle strutture sanitarie (ospedali), socio-sanitarie e delle Rsa, comprese le strutture di ospitalità e lungodegenza, le residenze sanitarie assistenziali, gli hospice, le strutture riabilitative, le strutture residenziali per anziani, anche non autosufficienti. Fino alla stessa data resta l’obbligo di indossare la mascherina anche nei luoghi di lavoro sotto il metro di distanza.

Aumentano i casi di contagio da Covid nelle Marche, + 46% tra il 21 e il 27 settembre, questi i dati diffusi dalla fondazione Gimbe, numeri elevati ma in corsia il Covid fa meno paura, anche “grazie ai vaccini”, come spiega il direttore del reparto di Malattie Infettive ad Ancona Andrea Giacometti.

le autorità sanitarie sperano in un rilancio della campagna vaccinale, che proprio ieri ha aperto le prenotazioni alle quarte dosi anti Covid anche per i soggetti senza patologie che abbiano compiuto 12 anni. Nella giornata di ieri, fino alle ore 18, le prenotazioni per la quarta dose (o secondo booster) sono state 1.108.