CIVITANOVA – Spese pazze e vacanze a spese della società di cui erano amministratori, quella legata ad un noto chalet di Civitanova: due denunciati dalla Finanza per appropriazione indebita, sequestrati beni tra cui una polizza vita da 280 mila euro.

È successo a Civitanova dove la Finanza ha indagato su un noto chalet gestito da una Srl. L’indagine ha permesso di scoprire, da parte degli ultimi due amministratori, un frequente utilizzo di fondi societari per scopi personali. Come prenotazioni per vacanze natalizie e prelievi privi di qualsiasi giustificazione. In alcuni casi le uscite erano giustificate come compenso agli amministratori, ma senza alcuna delibera né tracce sul bilancio. I due sono accusati di un ammanco di 88.915 euro, depauperando il patrimonio societario a scapito dei creditori e dei lavoratori dipendenti. Per questo è stato disposto il sequestro dei beni, tra cui una polizza vita del valore di 280 mila euro.

Inoltre, a seguito di quanto emerso nel corso delle indagini, i Finanzieri hanno segnalato all’Autorità Giudiziaria anche 4 funzionari pubblici per fatti integranti i reati di abuso d’ufficio, falsità ideologica e rilevazione e utilizzazione di segreti di ufficio. L’indagine è stata portata avanti con intercettazioni telefoniche ed ambientali, con l’acquisizione e la disamina di una corposa documentazione contabile, amministrativa e finanziaria, e con l’assunzione di informazioni da persone in grado di riferire circostanze utili.