E’ un dibattito aperto, specie in questi giorni di campagna elettorale: come risolvere il problema degli sbarchi, delle tratte di immigrazione clandestina, delle prigioni a cielo aperto nei campi della Libia? Da anni la Onlus Marchigiana “Il Sorriso di Daniela” ha la sua ricetta: svuotare i barconi aiutando gli Africani in Africa, costruendo scuole, ospedali, istituti tecnici, per dare un futuro ai figli di questo continente a “casa loro”. Con queste finalità alcuni giorni fa un gruppo di volontari della Onlus si è recata a proprie spese in Uganda. Ecco il resoconto tratto dalla Pagina Facebook dell’Associazione:

#Missione#Africa#Uganda #2022 #EccoPerché

Siamo tornati! Dopo due anni di fermo a causa del Covid, quest’estate siamo potuti tornare in Uganda per seguire da vicino i nostri, vostri progetti dedicati alla costruzione di ospedali, scuole e istituti tecnici nel continente Africano. Come spiegato dal nostro Presidente Maurizio Socci, da anni abbiamo deciso con la nostra fondatrice Gabriella Frontalini, e i compianti Peppe Storani e Franco Grasso, di aiutarli a casa loro. Si, perché l’Africa è la loro casa, è bellissima ed è doveroso darle un futuro. Con la Onlus Il Sorriso di Daniela costruiamo da anni in Uganda scuole, ospedali, istituti tecnici. Per togliere dalle mani dei bambini le zappe, per togliere dalla schiena dei ragazzini le taniche d’acqua, e si, anche per svuotare i barconi nel Mediterraneo, che troppo spesso viaggiano verso la morte anziché la speranza.

Così aiutiamo l’Africa, aiutando anche noi. Abbiamo scelto l’Uganda perché è il Paese del Continente che più accoglie l’immigrazione interna. Tanti giovani africani si trasferiscono qui anziché partire per l’Europa. Noi li aiutiamo a studiare, a imparare un mestiere, a farsi un futuro quaggiù, piuttosto che rischiare di non avere un futuro all’estero. Questo è possibile grazie alla collaborazione con Padre Giorgio Previdi, Padre Comboniano della Parrocchia di Kasaala, che è il nostro riferimento e il nostro garante sul posto.

Se vuoi darci una mano, la nostra Onlus è a tua disposizione, nel nome di Daniela, Peppe, Franco e Gabriella Storani, la nostra fondatrice, che ancora oggi ci guida laggiù con i suoi splendidi 80 anni.

Un grazie speciale ai volontari che quest’anno sono venuti in Uganda con noi, portando aiuti, cuore e coraggio: Cecilia Cenci Ennio Lucchetti Loretta Marini Maria Marini @fernanda palau @Camilla Latini