Sono 17 i Comuni marchigiani che il 12 giugno andranno al voto. Sei i comuni con più di di 15mila abitanti, con possibilità di ballottaggio, a cui si aggiunge Corridonia, scesa sotto i 15mila abitati, ma le cui liste elettorali non sono state ancora aggiornate, e che potrebbe quindi accedere al doppio turno, previsto il 26 giugno.

A Civitanova Marche a sfidare il sindaco uscente Fabrizio Ciarapica (Forza Italia, Lega, Fratelli d’Italia, Udc, Vince Civitanova, Insieme per Civitanova, Civitanova Unica) saranno Mirella Paglialunga (Partito Democratico, Dipende da noi, Ascoltiamo la città, Civitanova Cambia, La nuova città, Futuro in Comune), Vinicio Morgoni (La nostra città, Incroci-Futuro Giovani e Piú Eco- Ecologisti Confederati-Partito Valore Umano), Paolo Maria Squadroni (Civiltà Nuova, Nova Urbs e Lavoro e Libertà), Silvia Squadroni (SiAmo Civitanova, RiformiAmo Civitanova, Fare Civitanova e Movimento 5 Stelle) e Alessandra Contigiani (Movimento 3V Verità e Libertà) . Usciti invece come candidati sia Livio De Vivo che Maika Gabellieri. Quest’ultima ha deciso di appoggiare la candidatura di Fabrizio Ciarapica.

A Jesi sarà Matteo Marasca (Jesiamo, Jesinsieme, Patto per Jesi e Riformisti per Jesi) a raccogliere l’eredità del sindaco uscente Massimo Bacci che ha promosso la sua candidatura. A sfidarlo Lorenzo Fiordelmondo (Pd, Jesi in Comune, Repubblicani europei, Jesi Respira, ConSenso civico), Antonio Grassetti (Fratelli d’Italia), Marco Cercaci (Italexit-Popolo della Famiglia) e Paola Cocola (Lavoro e Libertà).

Quattro i candidati a sindaco di Fabriano. L’attuale primo cittadino, Gabriele Santarelli (M5S) non scenderà in campo per il secondo mandato. Al suo posto per il Movimento 5 Stelle correrà Ioseilito Arcioni che dovrà confrontarsi con l’avvocato Daniela Ghergo (Pd, Progetto Fabriano, Fabriano Civica e Rinasci), con l’ex sindaco Roberto Sorci (Lista 30.001, Amiamo Fabriano, Missione Fabriano, Siamo Fabriano) e con Vinicio Arteconi (Fabriano Progressista, Nessuno Escluso).

Nel Fermano sfida a tre a Sant’Elpidio a Mare tra Fabiano Alessandrini (Centro Sinistra), Gionata Calcinari (Centro Destra) e il civico Alessio Pignotti. Inedita corsa a due a Porto San Giorgio, dove dunque non si andrà al ballottaggio, tra i due ex assessori Francesco Tota Gramegna, per il centro sinistra, appoggiato dal sindaco uscente Nicola Loira e Valerio Vesprini, con un gruppo di civici di centro destra.

Tra i Comuni del cratere sismico, duello a Camerino (dove si vota in anticipo dopo la caduta della maggioranza) tra l’ex sindaco Sandro Sborgia e l’ex vice sindaco Roberto Lucarellli. Sfida a tre invece a Tolentino. Si vota anche a Valfornace, Comune nato dalla fusione di Pievebovigliana e Fiordimonte. Completano il quadro Acquaviva Picena, Corinaldo, Offagna, Rosora, Pedaso (dove corre solo il sindaco uscente Vincenzo Berdini),Frontino, Tavoleto, Terre Roveresche.