Un esercito di furbetti composto da centinaia di persone che hanno percepito illecitamente per un anno il reddito di cittadinanza, mettendosi in tasca la bellezza di 5.245.341 euro.

E’ quanto emerso da un’indagine dei carabinieri in tutto il centro Italia che hanno individuato e denunciato ben 955 persone tra Lazio, Toscana, Umbria, Marche e Sardegna, persone che hanno aggirato le norme sul reddito intascandolo appunto indebitamente. Si tratta del 10% del totale delle persone 9.575 controllate dai militari.

Nelle Marche in particolare sono state 67 le persone denunciate su 1.447  persone controllate.  450.075 euro la somma dei redditi indebitamente percepiti nella nostra regione.

Vasta la “galleria” degli escamotage utilizzati per frodare la legge. C’è chi aveva omesso di dichiarare di essere proprietario di beni immobili per i quali invece percepiva reddito, chi aveva dichiarato il falso riguardo alla composizione del proprio nucleo familiare e quindi del reddito, chi invece aveva attestato un falso luogo di residenza. Nella rete dei controlli sono finiti anche persone che percepivano il reddito ma non hanno dichiarato di avere misure di prevenzioni o misure casi cautelari a proprio carico. Tra i denunciati anche chi lavorava in nero o ha attestato falsamente di risiedere in Italia da almeno 10 anni.