Un tragico incidente in bicicletta proprio nei luoghi che conosceva palmo e palmo essendo una guida del parco nazionale dei Monti Sibillini sarebbe la causa della morte di Michele Sensini, 47 anni. Era uscito per testare un percorso e non aveva fatto rientro a casa. Dopo l’allarme dato dai familiari sono scattate le ricerche, terminate con il drammatico ritrovamento del corpo, ieri sera in un crepaccio a San Lorenzo al Lago, a Fiastra, dove lavorava anche come ufficio stampa del Comune. Nella giornata di oggi è stata eseguita l’ispezione cadaverica.

“Perdiamo un uomo di valore, un amante della montagna, una guida esperta ma, soprattutto, un amico con cui abbiamo condiviso tante esperienze al Parco, dove ha lavorato per anni”. È Andrea Spaterna, presidente del Parco Nazionale dei Monti Sibillini, ad esprimere a nome di tutto il personale e dei collaboratori dell’Ente Parco, profondo cordoglio per la scomparsa di Michele Sensini. “Ci stringiamo idealmente alla sua famiglia, alle persone a lui più vicine. Abbiamo apprezzato di Michele le doti umane e professionali, la sua grande capacità comunicativa, la sagacia, la simpatia e la passione che ha sempre nutrito per la natura. Siamo affranti
ed increduli di fronte a questa morte così improvvisa e inaccettabile. Ci mancherai Michele, ma terremo vivo il tuo ricordo nei nostri cuori”.

Scrive on line l’Associazione Guide del Parco Nazionale dei Monti Sibillini: “Caro Michele sei stato per noi un  amico e collega, la tua professionalità e conoscenza del territorio, sono state d’esempio per molti di noi, come la tua allegria con la  battuta sempre pronta .Vogliamo ricordarti con le foto che ci hai mandato  sabato mentre svolgevi il servizio di monitoraggio al lago di Pilato. Hai dormito alla grotta bivacco,  sotto le stelle dei Sibillini che tu amavi tanto e noi stasera penseremo a te guardando la stella più luminosa. A nome di tutte le Guide  dell’ Associazione delle Guide del Parco dei Monti Sibillini, le nostre più sentite condoglianze alla famiglia”.

Messaggio di cordoglio anche dalla struttura commissariale sisma 2016: “Il Commissario straordinario Giovanni Legnini  ed i colleghi della Struttura Sisma 2016 si stringono con affetto attorno a Michela, al piccolo Pietro e alla famiglia di Mario Sensini, per la dolorosa perdita di Michele, amato e conosciuto da tanti di noi. Nel ricordo del suo sorriso, della sua passione e impegno per il territorio dei monti Sibillini, proveremo a ricomporre, giorno dopo giorno, questa lacerante ferita, anche in memoria di Michele”. Michele era il fratello di Mario Sensini, capo ufficio stampa del Commissario straordinario alla Ricostruzione.