ANCONA – Meno concentrazione nei punti vaccinali, più capillarità sul territorio con il contributo dei medici di medicina generale. A sollevare la questione Massimo Magi, Segretario marchigiano della Federazione Italiana Medici di Famiglia, in vista dell’arrivo più massiccio delle dosi e l’avvio della della vaccinazione di massa.