L’Ascoli festeggia la salvezza in Serie B nel cuore del Sisma

Per festeggiare la salvezza nel campionato di serie B l’Ascoli calcio ha scelto il territorio terremotato di Arquata del Tronto ed in particolare i bambini delle scuole. C’era anche l’attaccante Federico Dionisi che per l’occasione ha interrotto le ferie.

“Credo sia giusto presenziare ad un evento così importante. Questi bambini – ha detto – hanno vissuto il sisma in modo significativo, io sono di Rieti e quindi conosco bene questa realtà, vediamo se in futuro riusciamo ad organizzarci per fare qualcosa di continuativo con questo territorio”. Agli studenti sono state donate mascherine dell’Ascoli Calcio e alle foto celebrative della salvezza con l’hashtag #ASCOLIFORARQUATA autografate dall’attaccante Dionisi.    Tante le domande rivolte dagli alunni a Dionisi: “Da piccolo i miei idoli erano Del Piero e Baggio – ha risposto a chi chiedeva quale fosse l’avversario più forte affrontato in carriera – e ho avuto la fortuna di giocare contro avversari di grande prestigio, Ronaldinho, Ronaldo, Pogba”. Insieme al direttore generale Piero Ducci, Dionisi ha donato al sindaco facente funzioni Michele Franchi la maglia n. 9 autografata.