ANCONA – Separare completamente i percorsi di pazienti Covid e non Covid a partire dagli accertamenti diagnostici in particolare la Tac, “punto di partenza per la direzione di cura e per la diagnosi”. E’ il principale obiettivo di una nuova Tac a 64 strati posizionata, tra le poche in Italia, all’interno di una struttura container davanti al Pronto Soccorso degli Ospedali Riuniti di Ancona e collegata con l’ospedale, al centro del percorso d’ingresso e uscita delle ambulanze.

Per far fronte all’ondata di ricoveri, con un picco atteso da qui a una settimana, l’ospedale di Torrette ha approntato una nuova rimodulazione. Già sabato scorso sono stati ricavati quattro posti di intensiva-subintensiva, ma il reperimento di posti letto prosegue.