FERMO – Deve scontare 20 anni, 6 mesi e 23 giorni di carcere in quanto destinatario di 16 mandati di arresto europeo. Conseguenza di una sfilza di reati commessi, sin dalla minore età, nelle province di Macerata e Fermo. Tra questi: detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti, reati contro il patrimonio, in particolare furto aggravato in concorso, ricettazione, rapina, nonché danneggiamento seguito da incendio aggravato in concorso e lesioni personali. Dopo un periodo di latitanza in Belgio, un 28enne italiano è stato catturato dalla Polizia di Stato di Fermo. L’importante operazione compiuta è stata annunciata stamattina, nel corso di una conferenza stampa, dal vice questore aggiunto Maria Raffaella Abbate.

La Mobile di Fermo, nel settembre 2021, ha arrestato il ragazzo a Porto Sant’Elpidio, quando trovato in possesso di 400 grammi di hashish, 40 grammi di cocaina, 10 grammi di eroina, un bilancino di precisione, materiale per la preparazione ed il confezionamento delle dosi e denaro. A seguito di prolungati appostamenti, era stato possibile chiarire che il soggetto spacciava stupefacenti con un monopattino ed era stato controllato proprio durante una consegna. Durante la perquisizione domiciliare, invece, i poliziotti avevano scoperto come casa sua fosse dotata di un sistema sofisticato di videosorveglianza per monitorare l’eventuale arrivo delle forze dell’ordine. Per quei fatti era stato arrestato e posto ai domiciliari, prima di evadere a marzo 2022, facendo perdere le sue tracce, e quelle di compagna e figlia, dal territorio nazionale.

La Polizia di Fermo, in collaborazione con il Servizio centrale operativo e il Servizio di Cooperazione internazionale di Polizia, sotto la direzione della Procura, ha tuttavia proseguito le indagini, anche di natura finanziaria. E, visti alcuni pagamenti elettronici, è stato possibile individuarlo a Schaerbeek, comune situato nella regione di Bruxelles Capitale. Al resto ci ha pensato la tecnologia, fino a risalire – prove alla mano – all’abitazione dove viveva con la famiglia. Allertata la Polizia belga, il 28 dicembre 2023 l’uomo è stato arrestato e incarcerato. Una volta espletate le procedure di rito, ieri è stato trasferito in Italia. Alcuni poliziotti di Fermo lo hanno raggiunto in Belgio e, a bordo di un aereo, sono arrivati a Fiumicino, dove è avvenuto l’arresto in territorio italiano e il successivo trasferimento in carcere.