“Le nostre vite valgono meno di un cilindro?”. Le storie dei lavoratori Caterpillar davanti ai fuochi dei cancelli, a pochi giorni dal verdetto. Stasera, h 22, a “Punti di Vista” canale 12.

Caterpillar, il dramma di un’azienda che andava bene ma viene chiusa “per guadagnare di più”. Il 10 Dicembre la Multinazionale Americana annuncia a sorpresa durante un incontro ordinario la chiusura. “Si lavorava tanto e bene, ci aspettavamo l’annuncio di assunzioni, magari di qualche premio produzione, e invece è stato l’inizio di un incubo”. “Ogni giorno aspettiamo la lettera di licenziamento”. “Non dormo da due mesi”. “Con mia moglie piangiamo di nascosto dai figli. C’è dignità nel pianto, in quello che ci hanno fatto non c’è dignità”.

Queste solo solo alcune delle testimonianze raccolte davanti ai fuochi accesi di fronte ai cancelli, presidiati dai lavoratori da ormai 61 giorni. Sono ore decisive: ci sono alcune aziende interessate a rilevare lo stabilimento, la Caterpillar ha chiesto entro il 14 febbraio la presentazione di offerte concrete, in vista dell’incontro spartiacque del 15 febbraio a Roma, presso il Mise.

Abbiamo passato un’ora di queste giornate delicatissime accanto ai lavoratori, ascoltando le loro storie. Appuntamento stasera h 22 su èTV canale 12 per “Punti di Vista” (conduce Maurizio Socci, ndr).

Vi aspettiamo.