SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La proliferazione di mucillagine mette a rischio le attività economiche della Riviera delle Palme. Il Comune di San Benedetto del Tronto (Ascoli Piceno) ha inviato una lettera all’onorevole Lucia Albano per proporre una modifica al periodo di fermo pesca; una richiesta avanzata alcuni giorni fa dalla marineria sambenedettese.
Le attività di pesca nel tratto adriatico da San Benedetto a Bari devono fermarsi dal 16 agosto al 29 settembre.

La proposta è di spostare le ultime due settimane del fermo al periodo dal 7 al 21 luglio, quando la fioritura algale inizia a diminuire.
Nella missiva, i pescatori rivieraschi hanno segnalato al Comune il problema della mucillagine, sottolineando come la proliferazione di alghe stia danneggiando i componenti meccanici dei motori delle imbarcazioni e appesantendo le reti, rendendole difficili da gestire.
Nei giorni scorsi le mucillagini hanno causato diversi problemi anche agli stabilimenti balneari, ma le recenti mareggiate hanno migliorato le condizioni della battigia.