Li pubblicizzavano come centri benessere, ma in realtà sfruttavano giovani ragazze a volte anche minorenni per la prostituzione. È quanto emerso dalla vasta operazione di polizia giudiziaria che ha coinvolto 27 province in tutta Italia tra cui anche Ancona.