Fabio Ridolfi, il 46enne di Fermignano, immobilizzato da 18 anni a letto a causa di una tetraparesi, prosegue la sua battaglia e ha diffidato l'Asur Marche ad effettuare in tempi brevissimi le dovute verifiche sul farmaco da utilizzare per poter accedere all'aiuto medico alla morte volontaria