Il ministero della salute la elenca tra le principali malattie del viaggiatore, ma il virus dengue rischia di diventare sul lungo raggio anche un problema locale. 

L’infezione è trasmessa agli esseri umani tramite le punture di zanzare che precedentemente hanno punto una persona infetta.

Il vettore principale del virus è considerata la zanzara Aedes aegypti, originaria dell'Africa e presente in tutte le regioni tropicali e subtropicali, da ciò il rischio di infezione legato a viaggi in paesi dove il virus circola. Ma con l'innalzamento delle temperature è stato osservato che anche la zanzara tigre, presente nel nostro paese e considerata finora un vettore meno competente nella trasmissione del virus riesce a trasmettere meglio la malattia. Una testimonianza ne è il numero di casi autoctoni registrati nel 2023: 82. Un dato che comunque resta di molto inferiore ai 280 casi di infezione associati a viaggi internazionali, ma che deve far riflettere.