Non più anni ma giorni. Tempi certi e modalità certe, sono i principi della proposta di legge sul fine vita elaborata dall'associazione Coscioni, che la regione marche, prima in Italia, si appresta a discutere nelle prossime settimane.

Una proposta di legge nata dalla sentenza costituzionale sul caso cappato che individua per la prima volta la condizioni di accesso alla morte medicalmente assistita.

Il gruppo assembleare del Partito Democratico ha depositato nelle scorse ore a firma del capogruppo Maurizio Mangialardi la proposta di legge, a breve verrà nominato il relatore poi via all'esame della commissione e alla discussione in consiglio, la speranza è che i tempi sia brevi, come brevi dovranno essere d'ora innanzi i tempi di attesa per colore che vogliono porre fine alle proprie sofferenze. 

Da Federico Carboni a Fabio Ridolfi che hanno impiegato due anni per ottenere ciò che questa legge potrebbe ora garantire in 20 giorni, ad Antonio che dopo due anni ancora aspetta.

 

 

 

Servizio di Laura Meda