“Non un nuovo lockdown ma nuove misure restrittive in autunno”: è uno scenario da Italia in giallo quella che si prospetta nel ritorno a scuola, secondo il virologo Stefano Menzo, direttore di virologia agli Ospedali Riuniti di Ancona. Il giallo, tra l’altro, sarebbe già un compromesso politico perché basato sui ricoveri e non sui contagi: “I ricoveri scattano con troppo ritardo rispetto all’indice di contagio Rt”.

Come se ne esce allora? “Proteggendo i più fragili con una terza dose, e aumentando la platea dei vaccinati”. E poi? “Aspettando nuovi vaccini, più efficaci contro le varianti”.

Un combinato che potrebbe far diventare il virus endemico, ma “guai a paragonarlo a un’influenza”.

Servizio di Lucio Cristino.