E’ stato lanciato ufficialmente il 9 aprile, all’aula magna dell’edificio Alan Turing all’Università degli Studi dell’Aquila,  il Toolkit per affrontare le catastrofi, le post emergenze e la ricostruzioni di Territori Aperti, il progetto dell’ateneo e del Comune dell’Aquila, finanziato dal Fondo “Territori, Lavoro e Conoscenza” di Cgil, Cisl e Uil per fornire uno strumento utile e vivo di supporto e scambio  anche per le catastrofi del futuro.  Il Toolkit ha l’aspetto di un sito internet accessibile dal link https://toolkit.territoriaperti.univaq.it, organizzato in schede che partono di situazioni reali e che raccontano, in modo sintetico, come sono state affrontate le criticità nelle tre fasi di emergenza, post emergenza e ricostruzione. Vengono proposte anche raccomandazioni e procedure in ottica di Disaster Preparedness nelle  schede che sono state elaborate dai 130 progetti finanziati dal Comitato Sisma Centro Italia del 2016 e dalle tesi finali del Master Tecnico-Amministrativo Post Catastrofe negli Enti Locali di Territori Aperti, giunto alla terza edizione. Contestuale al lancio del Toolkit oggi la proclamazione dei 39 studenti dell' edizione 2020/2021.

Stasera lo speciale alle 21 a "Sibilla, le voci della ricostruzione"