“Quella di Ciccioli è stata un’offesa gratuita alle vittime dell’alluvione del 15 settembre, una vergognosa ricostruzione dei fatti, in cui gli unici responsabili sembrano essere le vittime stesse, colpevoli, a suo dire, di essersi trovate al posto sbagliato nel momento sbagliato. Nessuna presa di responsabilità invece di fronte alle mancanze della giunta su cui sta indagando la magistratura. Davanti a tanta insensibilità e, soprattutto, per il rispetto che sentiamo di dovere a coloro che sono mancati e alle loro famiglie, il gruppo assembleare del Partito Democratico ha deciso di lasciare l'aula. Se davvero, come circola voce ormai da diversi giorni, Ciccioli fosse in procinto di entrare in giunta come assessore, saremmo di fronte a una decisione semplicemente indegna per il buon nome della Regione. Invitiamo il presidente Acquaroli a riflettere bene prima di fare una scelta così avventata”.

Così il gruppo assembleare del Partito Democratico commenta l’intervento del capogruppo di Fratelli d’Italia Carlo Ciccioli che oggi, durante la sessione straordinaria del consiglio regionale dedicata alla tragica alluvione del 15 settembre, ha tentato di scaricare sui comportamenti individuali delle vittime gran parte delle responsabilità della loro drammatica scomparsa.

"Ho solo descritto una serie imprevedibile di tragici eventi per esprimere cordoglio e per ricordare una ad una le vittime", risponde il capogruppo di Fdi e probabile nuovo assessore regionale.