A Senigallia la scossa di terremoto di mercoledì 9 novembre ha incrinato ulteriormente un equilibrio già reso fragile dall'alluvione dello scorso 15 settembre. Una città dove ancora a terra in certi punti si possono vedere le ultime tracce di fango incrostate tra i sampietrini, ma che allo stesso tempo vuole tornare al più presto alla normalità. Testimonianza ne sono anche le tante persone in centro o a passeggio tra le bancarelle del mercato, perché nonostante la paura oggi è una giornata di sole a Senigallia e finita la conta dei danni da domani si tornerà anche a scuola.