Il festival si è aperto all’insegna della vitalità, con gli appuntamenti pomeridiani e col serale che hanno attirato  un pubblico numerosissimo che ha affollato gli spazi ben prima dell’orario di inizio. Il tema del “Tempo ritrovato” ha rappresentato di fatto il ritorno agli spettacoli dal vivo, mai così vitali dai tempi del pre-Covid. “Abbiamo immaginato questo tema lo scorso anno – ha esordito la direttrice artistica Lucrezia Ercoli –  quando ipotizzavamo la ripartenza dopo due anni di pandemia, poi in questi mesi le cose si sono complicate, gli spettri della guerra e di un conflitto mondiale hanno reso inquieto questo nostro tempo e il festival è diventato l’occasione per riflettere attorno a questi eventi. Tre giornate che guardano al passato tra memoria, ricordi e nostalgia, ma anche ad un domani di speranza”. A salutare il pubblico l’assessore Camilla Murgia che ha sottolineato il ruolo di Popsophia nella realtà pesarese: “nel 2020 Popsophia è stato il primo festival a riaprire dopo il lockdown ed è stata fondamentale nel processo di formazione del progetto per Pesaro Capitale della cultura 2024. L’estate pesarese è partita alla grande e stiamo vivendo questo tempo ritrovato che significa condivisione di momenti e spazi”.

Oggi  ultimo giorno di festival: tra gli ospiti alle 18 nella corte di Palazzo Mezzolari Mosca Adriano Ercolani che partirà da Eraclito per arrivare a Stranger things raccontando come l’uomo, nella filosofia e nella fantascienza ha provato ad andare al di là del proprio tempo provando a sconfiggere vecchiaia e nostalgia. E non si poteva parlare di Proust senza citare la mitica “madeleine” il cui sapore riporta il protagonista a rivivere il tempo andato. E per parlare di sapori e di ricordo arriva alle 18.30 il critico e giornalista Carlo Cambi in un viaggio letterario e non solo alla scoperta dei cibi della memoria. A chiudere il pomeriggio alle 19 Antonio Pascale finalista al premio Campiello di quest’anno che continuerà a celebrare l’anniversario di Proust con un appuntamento dedicato. L’ultimo philoshow della serata è un altro tributo: a Lucio Dalla e ai 10 anni dalla sua scomparsa: assieme alla Factory saranno eseguiti alcuni dei suoi brani più noti legati al mare, da Caruso a Com’è profondo il mare. Ad aprire il filosofo e scrittore Simone Regazzoni che all’oceano ha dedicato il suo ultimo libro e che nel punto declinerà il tema del tempo non dalla prospettiva terrestre, ma da quella del mare e a chiudere, mitico conduttore, torna Carlo Massarini