ANCONA – La fascia tricolore diventa un terno al lotto al contrario. La voce si alza dagli amministratori di piccole e grandi città, dopo l’avviso di garanzia ricevuto dalla sindaca di Crema Bonaldi perché all’asilo un bambino si è schiacciato due dita in una porta. Niente di grave: il piccino è tornato a frequentare la stessa struttura comunale. I colleghi sindaci alla solidarietà fanno seguire anche un grido d’allarme: “Così non si può andare avanti, non chiediamo l’impunità ma di lavorare serenamente”, da sapere il presidente dell’Anci e sindaco di Bari Decaro. Sulla stessa scia la prima cittadina di Ancona e presidente dell’associazione dei comuni marchigiani.