ANCONA – Ha espresso soddisfazione l’assessore al Lavoro Stefano Aguzzi al termine dell’incontro che si è svolto questa mattina tra la società Liomatic e le parti sindacali. Tavolo “richiesto dalle parti sindacali – ha detto Aguzzi – preoccupate per la rivisitazione organizzativa che l’azienda sta portando avanti e le ricadute sul piano occupazionale”.

Durante l’appuntamento si sono evidenziate queste situazioni, ha voluto chiarire l’assessore: “non c’è da parte dell’azienda la volontà di chiudere le proprie attività nelle Marche, si tratta di una loro riorganizzazione, quindi sarà chiusa una sede a Jesi ma saranno consolidate le sedi di Macerata e di Pesaro coinvolgendo anche i lavoratori oggi presenti a Jesi. Per una parte dei lavoratori non cambierà quasi nulla di fatto perché operano sul territorio al servizio di vari utenti; invece, per la parte impiegatizia che opera all’interno della sede saranno messi in campo dei trasferimenti in sedi diverse da quella jesina, Macerata, Pesaro e alcuni addirittura a Perugia e Arezzo.

Si tratta ovviamente di disagi, ma non di licenziamenti, né delocalizzazioni, né chiusure d’impresa”. Prendendo atto di questo, conclude l’assessore al Lavoro “la Regione ha raccomandato all’azienda di continuare il dialogo con le parti sindacali e tenere in grande considerazione i disagi dei lavoratori che dovranno spostarsi sul territorio. L’auspicio è che si trovino le soluzioni necessarie a garantire i dipendenti e tutte le fasi occupazionali”