E’ malato, a letto, paralizzato dalla Sla. Purtroppo per un problema agli occhi, sempre più affaticati, non riesce più a comporre le parole usando lo sguardo per comunicare. Non può ovviamente recarsi in un ufficio ma pare pure impossibile delegare il caregiver. 

Sembra impossibile per Antonio Brocani, chef jesino, attraverso la moglie Maila che si prende cura di lui da 10 anni, ottenere lo Spid, strumento ormai fondamentale per accedere ai servizi della pubblica amministrazione. Dopo la storia raccontata sulle pagine di Jesi de “Il resto del Carlino” si è mobilitata mezza Italia, ma dalle istituzioni il silenzio.