Resta in carcere Filippo Claudio Ferlazzo, il 32enne accusato dell'omicidio di Alika Ogorchukwu. A Montacuto si è svolta l'udienza preliminare, il suo avvocato: "Si scusa per il suo gesto che non ha motivazioni di tipo razzista".

Nessuna conferma invece dalla difesa sulla richiesta della perizia psichiatrica per Ferlazzo. L'uomo ha infatti problemi psichiatrici. L’ultimo Tso di cui si ha traccia è stato applicato a Salerno, dopo la denuncia della madre, che l’anno scorso aveva presentato una querela contro il figlio per minacce. La diagnosi era di tossicodipendente aggressivo con disturbo di personalità, una sindrome bipolare, comportamenti psicotici. I due si erano poi riavvicinati e la donna risulta tutt'ora il suo amministratore di sostegno nonostante viva distante dal figlio che da alcuni mesi abitava appunto a Civitanova con la compagna.

Fissata per martedì mattina alle 11:00 l'autopsia sul corpo di Alika Ogorciuku a cui assisteranno anche i periti di parte nominati dai familiari della vittima e che dovrà chiarire le cause esatte della morte del 39enne.